Home Approfondimenti Il turismo tiene nonostante la crisi. E Mantova rilancia

Il turismo tiene nonostante la crisi. E Mantova rilancia

Il direttore del palazzo, Ugo Bazzotti, lo considera un dato positivo, seppure in calo rispetto ai 196mila dello scorso anno, quando la mostra Il Cammeo Gonzaga aveva fatto lievitare gli ingressi. Lontani anni luce i 266mila ingressi del 2004 ( Le Ceneri Violette ), i 376mila del 2007 (l’anno del Mantegna) e i 601mila del 2002 ( La Celeste Galeria ). «Palazzo Te, però - sottolinea Bazzotti - conferma le sue potenzialità rispetto ad altri musei italiani, che vedono calare l’affluenza di un 10%». Il mese di punta è stato aprile, con circa 31mila ingressi, seguito da maggio con 27.500 e da marzo con 13mila.

Sono i mesi vocati alle gite scolastiche, che gonfiano senza portare incassi i numeri di palazzo Ducale, museo statale per il quale i dati del 2009 non sono ancora disponibili, ma sarebbero comunque anch’essi in tenuta. Il problema, per Mantova, resta quello di invogliare i suoi visitatori, tendenzialmente escursionisti, a trasformarsi in turisti, quindi a fermarsi almeno una notte. Ieri mattina al MaMu, nell’ambito dell’XI seminario provinciale del turismo, è stato presentato uno studio commissionato dalla Provincia alla società Strateghia, per delineare il profilo del turista che sceglie Mantova: in generale è del Nord Italia, torna a casa in giornata, se pernotta lo fa per una o due notti in hotel, anche se non disdegna le strutture extralberghiere. Nel complesso, ha più di 40 anni, un livello di istruzione elevato, è attratto dall’offerta culturale ed è molto soddisfatto del prodotto turistico della provincia di Mantova. Gli stranieri, in prevalenza tedeschi, utilizzano l’ufficio informazioni per musei e servizi, ma sfruttano meno degli italiani il portale del turismo. Eppure, come ha rilevato ieri il professore Gavino Maresu - docente all’Università di Genova e compilatore del Decalogo dell’Accoglienza Mantovana -, l’accoglienza nei confronti dei turisti andrà sempre più giocata non tanto al loro arrivo in loco, bensì in anticipo, motivandoli a visitare il Mantovano sfruttando i canali della multimedialità e soprattutto internet. Non solo: i giudizi della comunità web avranno un’importanza crescente nella promozione di una destinazione, in un contesto in cui anche sul fronte del turismo la concorrenza è sempre più spietata. Un turista soddisfatto è un eccellente testimonial: un buon motivo per puntare a migliorare l’accoglienza, su tutti i fronti.

Così, oltre ad analizzare il turista che già arriva, è opportuno pensare anche al turista che ancora non c’è, scoprire cosa può portarlo a Mantova. Non bisogna illudersi di poter indurre permanenze prolungate: i tempi del Grand Tour sono finiti, per lasciare spazio alla vacanza spot. Ma città e provincia, con due siti entrati a far parte del patrimonio Unesco, hanno ottime carte da vendere. «A partire - rileva Maresu - dalle atmosfere magiche di certe piazze; l’importante è non banalizzarle con orrende sedie di plastica».

 

Seleziona un paese

Curtatone

Partner

aikal

Mantova Bed and Breakfast - B&B - B & B - Affitta Camere: la migliore ospitalità in famiglia a Mantova e provincia - info@mantovabedandbreakfast.it - Mantova Link

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

Questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito web il visitatore dichiara di accettare e acconsentire utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso espressi in questa pagina.

Dichiaro di accettare utilizzo dei cookies per questo sito.